AREA II - ARCHIVIO STORICO (ARS)
Capitolo ARS.H09: "Campane e Concerti storici: Regione Lombardia" - Pagina 24

Gli argomenti di questa pagina sono stati inseriti da Ing. Michele Cuzzoni nel 2013, aggiornati il 26/02/2017, e sono desunti dalla Bibliografia riportata a fondo pagina.

Voi siete il gradito visitatore n.° :

 

Privacy Policy

 

(SO) - Cepina - Le Campane di S. Maria Assunta (XVIII/XIX sec.)

 

INDICE:

 

Notizie sulle campane della parrocchia S. Maria Assunta di Cepina (Valdisotto) (SO)

 

 

La chiesa Parrocchiale e il campanile

 

[...] Numerose sono le notizie sulla chiesa parrocchiale di S. Maria Assunta lungo i secoli, dalla fondazione (1356), agli ampliamenti del 1498 e 1630, alle migliorie del 1744 e poi in seguito fino ad oggi.

Sulla costruzione del campanile non vi sono (per ora) documenti utili a stabilire una data, mentre è certo che la torre attuale fosse in origine un edificio "di vedetta" fortificato.

"Il 3 giugno 1884 la parrocchia chiese ed ottenne dalla Curia il permesso di vendere dei terreni per ricavare la somma necessaria per sovralzare il campanile di un piano e dotarlo di una terza campana".

Si trovano gli elenchi delle ditte operatrici: Colturi Luigi di Bormio per i legnami (pagati £ 255); Gheffoli Antonio di Mondadizza per il ferro (£ 259), Piccagnoni Giuseppe fu Angelo di Cepina per lavori di manutenzione e trasporto campane (£ 253); ed altri artigiani locali (fabbri, carpentieri, lattonieri e verniciatori).

In questo intervento si utilizzò per la prima volta il cemento, mentre prima era solo disponibile la calce.

"Il campanile rimase così con il tetto e i 4 pinnacoli, fino al 1932 quando con il sacerdote Agostino Aquistapace si pensò di apportare la modifica quale appare attualmente, peraltro parecchio criticata allora, per la somma di £ 18.323".

 

 INDICE

 

 

Le Campane fino al 1800 - La "piccola" di Natale Mainone del 1753

 

Nell'archivio parrocchiale compaiono annotazioni sporadiche sull'esistenza di campane fino al 1800. In particolare:

- nel 1753 si rifuse la campana minore (insieme ad altre tre) nell'abitato di Morignone per opera di Natale Mainone (milanese)

- nel 1789 nuova rifusione della campana minore, benedetta il 22 dicembre dall'Amministratore Parrocchiale don Francesco Settomini, issata sulla torre il 23 dicembre. Fu suonata per la prima volta all'Angelus serale della Vigilia di Natale del 1789.

 

 INDICE

 

 

Il Campanone Partilora del 1807

Nel 1807 si decise di rifondere la campana maggiore e immediato fu il problema economico. "Per questo si delegarono, nel luglio 1807, Lorenzo Bracchi, Giovanni Colturi, Cristoforo Valcepina e Domenico Martinelli come rappresentanti per reperire tra ogni famiglia uno staio di segale o frumento e sempre in quell'estate un certo quantitativo di fieno. In alternativa ci si impegnava a sborsare la somma corrispondente".

Nell'Archivio parrocchiale è presente l'elenco di tutti i parrocchiani che contribuirono alla spesa della fusione. Poiché la campana da rifondere era di dimensioni più contenute rispetto a quella che avrebbe dovuto nascere, si cercarono nei dintorni ed anche a Bormio, pezzi di campane rotte o di metallo utilizzabile all'uopo.

Il Rogito notarile di Antonio De Gasperi del 7 luglio 1807, è il contratto tra il fonditore Pietro Partilora di Verona (attivo nel Grosotto) e i rappresentanti di Cepina; in esso si parla chiaramente di un'aggiunta del 10% di metallo (per ingrandire la campana) e la sua garanzia di un anno.

Il Campanone fu consegnato il 20 dicembre del 1807, pagato £ 929 di manodopera e £ 156 per aggiunta di altro metallo.

La torre aveva così due campane.

 

 INDICE

 

 

Le Campane Pruneri del 1884

 

"Il 20 marzo 1884 la ditta Giorgio Pruneri di Grosio aveva fornito un preventivo con 5 progetti per la posa da 3 a 5 campane per una spesa da £ 1498 a £ 4328. La fabbriceria decise per il primo con £ 3715 di preventivo e 3 campane, quelle tuttora funzionanti. Il fonditore stabilì con la parrocchia una fitta rete di corrispondenza sia per sollecitare l'invio delle due campane da rifondere che per suggerire sul metodo da adottare quale meno pericoloso per calarle dal campanile; ovvero una volta staccate dai ceppi di gettarle nel vuoto!

 

Come testimonia uno scritto tra la fonderia e l'incaricato del trasporto Piccagnoni Giuseppe il 18 maggio si procede alla fusione e il giorno seguente sono pronte.

Finalmente il 18 giugno 1884 ultimati i lavori del campanile, l'economo spirituale di Cepina don Andrea Dal Pozzo benedice le 3 campane intitolando la maggiore a S. Maria Assunta, la mezzana a S.Giuseppe e la minore a S. Rocco.

 

Piccagnoni Giuseppe negoziante di Cepina fu il padrino della maggiore (Kg. 880 di peso effettivo e cm 117 di diametro); della mezzana (Kg. 601 e cm 103,5) fu Pedrini Rocco, maestro, e della minore (Kg. 422 e cm 92) fu Lumina Giuseppe."

 

Quindi le campane, in base alla nota Tabella, sono in sagoma ultra-leggera, e corrispondono alle note di Re#3 (Mib3), Fa3, Sol3

 

"Per affrontare la spesa totale di £ 4727, di cui 3509 per la fonderia, lire 2992 furono ricavate dalla vendita di terreni vari. Per il resto la spesa fu sostenuta dai parrocchiani, come giustamente appare in rilievo sulla campana maggiore accanto all'anno 1884 ed a una ricca decorazione finemente lavorata:

"Fusa con il contributo della vicinanza di Cepina"

 

"Durante il secondo conflitto mondiale tutte le campane furono confiscate dall'esercito per un eventuale utilizzo bellico; per fortuna le campane di Cepina non subirono la sorte di tante altre e rimasero al loro posto. Il funzionamento a corda proseguì fino ai primi anni settanta, poi per motivi di praticità furono elettrificate.

Recentemente si è provveduto alla riparazione di un batacchio staccatosi e fortunatamente fermatosi sul pianerottolo sottostante, come pure al rifacimento dell'impianto elettrico e della messa in funzione dell'orologio. Il precedente orologio, proveniente dalla chiesa di S. Francesco in Bormio, era ormai inattivo da parecchi anni.

 INDICE

- Tipologia di suono e movimentazione -

Il Sistema di Suono è l'Ambrosiano.

Sono presenti:

  • Sistema computerizzato per il suono a concerto, a distesa, a rintocco con elettrobattenti.

 

INDICE

 

 


Bibliografia


 
Bib-ST-000 - Testo e analisi di Ing. Michele Cuzzoni
Bib-ST-455 - Monografia di De Monti Costantino, Dall'archivio parrocchiale di Cepina Cronistoria delle nostre campane, documento in PDF del 15/11/2007
 
TOP