AREA II - ARCHIVIO STORICO (ARS)
Capitolo ARS.H17: "Campane e Concerti storici: Regione Trentino Alto Adige" - Pagina 04

Gli argomenti di questa pagina sono stati inseriti da Ing. Michele Cuzzoni nel 2008, aggiornati il 01/05/2016, e sono desunti dalla Bibliografia riportata a fondo pagina.

Voi siete il gradito visitatore n.° :

 

Privacy Policy

 

  (TN) - Vigo di Fassa: le Campane di S. Giuliana - di S. Ghezzi

 

INDICE:

 

Notizie Storiche

 

Fino al 1916 sul campanile di Santa Giuliana c’erano tre campane.

    Anche se le altre campane di tutte le chiese della valle furono requisite per fabbricare mortai dal governo Austro-Ungarico, quelle di Santa Giuliana non vennero toccate, sia per il fatto che l’imperatore Francesco Giuseppe vide la particolare devozione del popolo fassano verso la santa patrona, sia per il fatto che alle pendici del colle su cui è stata eretta la chiesa si costruì il cimitero di guerra 15-18.

    Pochi anni dopo, la campana minore (chiamata “Mendra”), fusa da Ludovico Simonato nel 1496, venne portata sul campanile della frazione di Meida a Pozza, dove per un malaugurato incidente si crepò e andò inesorabilmente perduta; mentre la mezzana (attuale “Mendra” sul campanile di S. Giuliana) venne trasferita nel campanile di San Giovanni, nel paese nuovo, per far “compagnia” alla Grana, rimasta sola visto che le altre 5 campane furono requisite.

    Nel 1933 sul campanile ci sono 4 campane, intonate in Mi3, Sol3, La3, Si3.

    Di seguito la tabella con dati e misure:

 

Campana

Diametro

Peso

Fonditore

Iscrizione

1. Maora

125 cm

1500 Kg

Ludovico Simonato - 1591

- A FVLGARE ET TEMPESTATE LIBERA NOS DOMINE - SANCTA JVLIANA ORA PRO NOBIS -

2. Dei Caduti

105 cm

642 Kg

Colbachini Trento - 1930

- SUONO AD ONORE DI TUTTI I CADUTI -

3. Mesana

94 cm

433 Kg

Colbachini Trento - 1930

- NE HORUM PIETATIS MEMORIA UNQUAM DELEATUR -

4. Mendra

82 cm

 350 Kg

? - 1496

- DILECTVS GENVIT DELICTVM - OBLITVS EST DOMINI CREATORIS TVI - TITVLVS TRIVNPHALIS  SALVATOR NOSTRI - JHS NAZARENVS REX JVDEORVM - ANNO 1496 -

 

Ricordiamo che ancora oggi le campane sono, inceppate in legno con tutti gli antichi pezzi del 1930, completamente manuali e vengono suonate tutti i giorni dalla cella al vespro nelle ore 18.30. Nelle occasioni importanti si può ascoltare anche il concerto di “Veha” e il “conzerto da fésta”.

 

INDICE

 

Immagini di: Stefano Ghezzi

 

La chiesa - (2007)

Il campanile - (2007)

   

Il campanile - (2007)

La campana “Mendra”, fusa nel 1496 - (1999)

 

 

INDICE

 

 


Bibliografia


 
Bib-ST-000 - Testo di Ing. Michele Cuzzoni
 
TOP

 

 

Monografia di Stefano Ghezzi

P. Frumenzio Ghetta, "La lejia de sent'Uliana"