AREA II - ARCHIVIO STORICO (ARS)
Capitolo ARS.H09: "Campane e Concerti storici: Regione Lombardia" - Pagina 10

Gli argomenti di questa pagina sono stati inseriti da Ing. Michele Cuzzoni nel 2009, aggiornati il 26/02/2017, e sono desunti dalla Bibliografia riportata a fondo pagina.

Voi siete il gradito visitatore n.° :

 

Privacy Policy

 

(LC) - Galbiate: Le campane di S. Giovanni Evangelista

 

 

INDICE:

 

Storia delle Campane di Galbiate

- Documentazione estratta dall’Archivio Parrocchiale a cura di Ing. Michele Cuzzoni (26/04/2009) -

   

- La torre -

 

1763    Campanile eretto da poco.

            Fusione nuovo concerto di 4 campane più grandi delle precedenti

            Regolamento per il suono delle campane.

            Suono da vivo e da defunto tutto come gli anni precedenti. Campanone riservato al temporale.

 

1770    In esercizio la fabbrica del nuovo campanile

Al parroco si richiede di demolire un muro che da’ sul sagrato per condurre le attrezzature necessarie alla fabbrica.

Si accenna alla demolizione di due cappelle della chiesa vecchia.

Si parla quindi dell’ulteriore alzata del campanile

INDICE

 

- Le Quattro Campane -

 

1843    Lettera del Fonditore Michele Comerio alla Fabbriceria di Galbiate

Perizia tecnica sul concerto esistente della Parrocchia di Galbiate.

Si osserva che il concerto esistente è “mal combinato nelle sue proporzioni, cioè trovo le due maggiori in giusta scala  le quali devono andare dacordo, la terza calante più di un quarto di voce, la quarta calante anch’essa in conseguenza della terza”. Per tanto per risolvere il problema del concerto stonato è necessario esclusivamente rifondere le due piccole e riadattarle alle due grandi accrescendole di tono (e dimensioni); o volendo solo fondere la quarta piccola e concertarla per quarta con le due maggiori non andrà bene con la terza; o voler accordar la quarta solo alla terza non andrà bene con le due maggiori essendo stonata la terza.

 

1843    Lettera tra Fabbriceria e Fonditore Felice Bizzozero

Campana rotta del campanile da rifondere insieme a un’altra dell’Oratorio sussidiario di S. Eusebio (da realizzarsi non necessariamente intonata). Sono da inviarsi prima che “cada la neve a ingombrar la strada”.

 

1843    Lettera tra Fabbriceria e Fonditore Felice Bizzozero

Rifusione della quarta campana che risulta al termine leggermente più grande di quella originaria.

 

1844    Lettera tra Fonditore Felice Bizzozero e Fabbriceria

Ricevute due campane rotte del peso di rubbi 59. 24-26 e 24.15 la seconda di S. Eusebio.

La fusione è critica in quel periodo ma ha sottomano una campanella buonissima con l’iscrizione di “S. Eusebi intercede pro nobis” del peso di rubbi 29.18. Se la Confraternita accettasse abbuona diverse spese sul consumo facendola pagare, fattura compresa, £ 235 milanesi. Caldeggia la campanella nuova poiché la riparazione della vecchia costerebbe almeno 202 lire milanesi.

 

1844    Credito del Fonditore Felice Bizzozero

Sulla campanella di rubbi 63. (3 in più della vecchia).

 

1845    Lettera tra Fabbriceria e Fonditore Felice Bizzozero       

Richiesta di ricevuta per il saldo di:

Campana rifusa secondo indicazioni contratto del novembre 1844 a fronte di spesa £ milanesi 504,17. Altra campana della Confraternita costata £ milanesi 153,12

INDICE

 

- Le Nuove Sei Campane -

 

1858    Atto del Comune

            Atto in cui il Comune si impegna a pagare gli interessi (4 e ½ %) per il mutuo contratto per pagare il nuovo concerto di campane, quale giusto compenso per gli usi civili del campanile. La cifra è considerata equa poiché il mutuo ha scadenza sedicennale. Si nomina anche la colletta da farsi nel circondario della parrocchia.

            Autorizzazione del Comune a realizzare il nuovo concerto a fronte della spesa di £ 17.993,75 da saldare in base a capitolato e regolate da cauto contratto

 

1858    Contratto per campane tra Fabbriceria e Fonditore sig. Felice Bizzozero

 

            1. Il Sig. Felice Bizzozero si obbliga a fondere a tutto suo rischio e pericolo  n. 6 campane per la Chiesa Parrocchiale di Galbiate  colla maggiore del peso di N. 280 (rubbi) nel tono di si bemolle e le altre in giusta scala armonica ed a regola d’arte.

 

            2. Il fonditore si obbliga a garantire dette campane perfettamente sane e sonore per il decorso di un anno e un giorno ed a datare dal dì che si cominciasse il loro uso sul campanile. Se nel detto frattempo si verificasse una imperfezione  nella qualità in cui furono garantite , sarà tutto a suo rischio, restando  obbligato al rifacimento di tutte le campane imperfette  a tutta sua spesa di fusione e di consumo eccetto però sempre la condotta e ricondotta  delle campane alla fonderia e viceversa loro abbassamento e collocazione in opera che saranno a carico della committenza.

 

            3. Sarà facoltativo alla Committenza far collaudare  il nuovo concerto da un esperto di Cappella a sua scelta e spesa entro tre mesi dalla attività sul campanile, scorsi i quali sarà ritenuto per accettato e di piena soddisfazione.

 

            4. Si conviene che dette campane debbano essere all’incirca del seguente peso:

1° Campana maggiore      300 Rubbi        2.448 kg          (1 rubbo = 8,16 kg)

2° “                                         260 Rubbi        2.121 kg          (Nota: nel documento originale risulta poi corretto a 210 Rubbi = 1713,6 kg)

3° “                                         150 Rubbi        1.224 kg

4° “                                         118 Rubbi           962 kg

5° “                                           85 Rubbi           693 kg

6° “                                           62 Rubbi           505 kg

                                               _________     ________

                                               975 Rubbi        7.956 kg         

 

            5. Le vecchie campane attualmente esistenti saranno condotte a carico della Commissione alla Fonderia Bizzozero in Varese subito dietro avviso del fonditore , e così pure a suo carico saranno condotte le nuove.

 

            6. Le vecchie campane nel peso che si troveranno essere alla epoca della condotta serviranno quale materiale per la costruzione delle nuove campane. Sarà però fatto sul loro peso ed a favore del fonditore l’abbuono del 5%  per il consumo che fanno nella fusione.  E così pure un eguale abbuono del cinque per cento si farà al Fonditore sul peso del metallo che sarà  impiegato per l’accrescimento del nuovo sul vecchio.

 

            7. La commissione provvederà il metallo  necessario all’accrescimento e consumo per consegnarlo  al fonditore nell’epoca che verrà fissata. Alla compera del materiale suddetto assisterà il Fonditore. Gratuitamente per la scelta della qualità.

 

            8. Corrisponderà la Commissione al Fonditore Bizzozero  a titolo di manodopera lire tre e venticinque centesimi 3,25 per ogni rubbo che risulterà del nuovo concerto  ed il relativo pagamento si effettuerà un anno dopo la consegna delle nuove campane.

 

            9. I pagamenti saranno effettuati in Milano alla casa del Fonditore in buona valuta d’oro o d’argento valutabili al corso del listino della Borsa di Milano, escluso in ogni caso e per qualsiasi motivo ogni carta monetata o qualunque surrogato al metallo (denaro) metallico suonante benché venisse in corso di forza di legge.

 

            10. Il più e il meno metallo impiegato nel nuovo concerto  altro o meno del consegnato sarà compensato tra le parti al prezzo della compera del nuovo metallo come sopra.

 

            11. In Fonditore consegnerà salvo disgrazie, il nuovo concerto entro il corrente anno 1859.

Le parti promettono e si obbligano ad osservare in piena buona fede, a riconoscere ogni qualunque eccezione  il presente contratto nei patti  e nelle condizioni approvate sotto pena, in caso contrario di rifusione d’ogni danno o spesa che ne derivasse, ed in fede si sottoscrivono alla presenza dei pure sottoscritti testimoni

 

Felice Bizzozero Fonditore

Luigi Corti Fabbricere

Giuseppe Della Covera Fabbricere

Prete Giacomo Vergani Parroco Testimonio

Raf. Lodovico Giuseppe Crippa Testimonio

           

1858    Dichiarazione del Fonditore.

Peso campane vecchie 386,56 rubbi.

Metallo nuovo compreso 4 panetti di stagno 583,12 rubbi = 969,18 rubbi

 

 INDICE

- Immagini di alcuni manoscritti originali  -

 

Perizia tecnica del Fonditore Michele Comerio – 1843 Contratto Fabbriceria – Fonditore Felice Bizzozero 1858
   
Contratto Fabbriceria – Fonditore Felice Bizzozero 1858 Fonditore Felice Bizzozero 1858 – Appunti sui pesi

 

INDICE

 

- Descrizione e Immagine delle Campane -

Campana - 1 - Prima

Nota nominale: Sib2

Diametro di bocca: 1622 mm

Spessore: 112 mm

Peso: 2.448 kg

Fonditore: Felice Bizzozero - Varese

Stemma fonditore: "Felix / Bizzozerus /Varisiensis / Fecit"

Anno di fusione: 1858

Iscrizioni leggibili:

" + Vox Domini in Virtute Vox Domini in Magnificentia 1858"

1) Il Campanone (Prima) - Sib2  

 

Campana - 2 - Seconda

Nota nominale: Do3

Diametro di bocca: 1444 mm

Spessore: 98 mm

Peso: 1.714 kg

Fonditore: Felice Bizzozero - Varese

Stemma fonditore: "Felix / Bizzozerus /Varisiensis / Fecit"

Anno di fusione: 1858

Iscrizioni leggibili:

" + A Fulgure et tempestate libera nos Domine 1858"

2) Il Secondo Campanone (Seconda) - Do3  

 

Campana - 3 - Terza

Nota nominale: Re3

Diametro di bocca: 1287 mm

Spessore: 87 mm

Peso: 1.224 kg

Fonditore: Felice Bizzozero - Varese

Stemma fonditore: "Felix / Bizzozerus /Varisiensis / Fecit"

Anno di fusione: 1858

Iscrizioni leggibili:

" + Beati Mortui [...] untur 1858"

3) Terza Campana - Re3  

 

Campana - 4 - Quarta

Nota nominale: Mib3

Diametro di bocca: 1203 mm

Spessore: 82 mm

Peso: 963 kg

Fonditore: Felice Bizzozero - Varese

Stemma fonditore: "Felix / Bizzozerus /Varisiensis / Fecit"

Anno di fusione: 1858

Iscrizioni leggibili:

" + [...] Tuum Domini 1858"

4) Quarta Campana - Mib3  

 

Campana - 5 - Quinta

Nota nominale: Fa3

Diametro di bocca: 1068 mm

Spessore: 74 mm

Peso: 694 kg

Fonditore: Felice Bizzozero - Varese

Stemma fonditore: "Felix / Bizzozerus /Varisiensis / Fecit"

Anno di fusione: 1858

Iscrizioni leggibili:

" + [...] Dominum 1858"

5) Quinta Campana - Fa3  

 

Campana - 6 - Sesta

Nota nominale: Sol3

Diametro di bocca: 950 mm

Spessore: 66 mm

Peso: 506 kg

Fonditore: Felice Bizzozero - Varese

Stemma fonditore: "Felix / Bizzozerus /Varisiensis / Fecit"

Anno di fusione: 1858

Iscrizioni leggibili:

" + [...] 1858"

6) Sesta Campana - Sol3  

INDICE

 

Il Sistema di Suono è l'Ambrosiano.

Sono presenti:

  • Dispositivi di oscillazione elettronica (rifacimento computer 2012).

  • Dispositivi di oscillazione manuale (rinnovo 2011).

  • Carillon elettronico (rifacimento computer 2012).

  • Tastiera manuale (restauro e ricollocazione 2008)

INDICE

 

 

Quinta a sinistra - Sesta a destra Secondo Campanone
   
Terza a sinistra - Quarta a destra Campanone

INDICE

 

 


Bibliografia


 
Bib-ST-000 - Testo di Ing. Michele Cuzzoni
Bib-ST-006 - Ricerca storica e immagini di Ing. Michele Cuzzoni su Documenti originali manoscritti provenienti dall'Archivio Parrocchiale di Galbiate.
 
TOP