AREA II - ARCHIVIO STORICO (ARS)
Capitolo ARS.H09: "Campane e Concerti storici: Regione Lombardia" - Pagina 06

Gli argomenti di questa pagina sono stati inseriti da Ing. Michele Cuzzoni nel 2009, aggiornati il 26/02/2017, e sono desunti dalla Bibliografia riportata a fondo pagina.

Voi siete il gradito visitatore n.° :

 

Privacy Policy

 

(PV) - Casteggio: Antiche campane convertite in cannoni

 

INDICE:

 

Breve documento edito a Casteggio (PV) il 7 settembre 1899

   

    E' proprio vero? Sì ma non in cannoni contro la grandine, ma in cannoni veri da guerra. Ciò avvenne nel 1794.

Il Re di Sardegna e di Piemonte venne officiato dalla Francia, allora appena uscita dal periodo più violento della Rivoluzione, per una alleanza.

Non avendo il Re aderito la Francia si accinse a imporla, e , come mezzo a ciò, a invaderne lo Stato.

Il Re si appigliò a tutti i mezzi per resistere e per far danaro, giacché, come da noi si dice, l'argento fa la guerra.

Ci lamentiamo ora delle imposte, ma in tale periodo se non eran maggiori eran più numerose.

Fra i mezzi escogitati vi fu quello di invitare a fare offerte di denaro, e di oggetti (mezzo poi imitato dai Francesi invasori) e mezzi più sicuri quelli di adoperare le campane per fare cannoni, - e gli argenti delle chiese per far denari.

A Casteggio le campane erano assai più numerose che al dì d'oggi.

La Chiesa delle Monache di S. Clara sul Pistornile aveva le campane. Così i frati di Romito - ed ecco senz'altro la distinta delle campane in allora notificate, e peritate.

INDICE

Elenco di chiese e di campane depredate


1) La Chiesa PARROCCHIALE (detta del PISTORNILE) aveva 4 campane: (NON DEPREDATA)

    a) I Campana di rubi 60  (1 rubbo = 8 kg = 480 kg) -  manto leggero? Sol3 debolmente crescente

    b) II Campana di rubi 40 (1 rubbo = 8 kg = 320 kg) - manto leggero? La3 leggermente crescente

    c) III Campana di rubi 30 (1 rubbo = 8 kg = 240 kg) - manto leggero? Do4 debolmente calante

    d) IV del Capitolo di rubi 4 (1 rubbo = 8 kg = 32 kg) - manto leggero? Si4 calante


   Essendo richieste le sole campane di lusso, o superflue al bisogno, la Chiesa Parrocchiale venne dispensata dal consegnarle, perché si osservò, che le campane servivano ad una Chiesa Matrice, e pievana a cui restano soggette altre 16 parrocchie, e quindi dovere la medesima per i Sinodi usare di tre campane.

 

 

2) La Chiesa di SAN SEBASTIANO aveva 2 campane:

    a) I Campana di rubi 15  (1 rubbo = 8 kg = 120 kg) -  manto leggero? Re#4

    b) II Campana di rubi 12 (1 rubbo = 8 kg = 96 kg) - manto leggero? Mi4 leggermente crescente

La Chiesa di San Sebastiano non consegnò che una delle due campane, quella già rotta di rubi 15 coll'iscrizione: Societas S. Sebastiani ag. S. Trinitatis Clastigii.

 

 

3) La Chiesa delle MONACHE aveva 2 campane:  (NON DEPREDATA)

    a) I Campana di rubi 10  (1 rubbo = 8 kg = 80 kg) -  manto leggero? Fa4 leggermente crescente

    b) II Campana di rubi 6 (1 rubbo = 8 kg = 48 kg) - manto leggero? Sol#4 debolmente crescente

e le monache vennero dispensate dal consegnarle forse, perchè ambedue ritenute necessarie.

 

 

4) La Chiesa di MAIRANO aveva 2 campane:  (NON DEPREDATA)

    a) I Campana di rubi 18  (1 rubbo = 8 kg = 144 kg) -  manto leggero? Re4

    b) II Campana di rubi 12 (1 rubbo = 8 kg = 96 kg) - manto leggero? Mi4 leggermente crescente

e vennero lasciate a posto.

 

 

5) La Chiesa dei Frati Francescani di ROMITO aveva 2 campane: 

    a) I Campana di rubi 20  (1 rubbo = 8 kg = 160 kg) -  manto leggero? Do#4 leggermente crescente

    b) II Campana di rubi 12 (1 rubbo = 8 kg = 96 kg) - manto leggero? Mi4 leggermente crescente

una campana venne ritenuta di lusso e quindi consegnata. Essa aveva l'iscrizione: M. IO. Ant. F.F. MCCCCCXIII (o 1513)

 

 

6) La Chiesa della MADONNA della CROCETTA aveva 1 campana: 

dalla Chiesa della Madonna della Crocetta venne tolta l'unica campana coll'iscrizione: S. Maria della Crocetta 1657.

 

 

7) La Chiesa di PEGAZZERA aveva 1 campana:  (NON DEPREDATA)

    a) I Campana di rubi 1  (1 rubbo = 8 kg = 8 kg) -  manto leggero? La5

e venne lasciata a posto.

 

 

8) Oratorio di CROTESI aveva 1 campana:  (NON DEPREDATA)

    a) I Campana di rubi ?

 

 

9) Oratorio di S. BIAGGIO aveva 1 campana:  (NON DEPREDATA)

    a) I Campana di rubi ?

 

 

Non risulta del peso di queste due ultime campane, ma siccome nel Novembre 1809 ne venne dall'autorità interdetto l'uso, si può ritenere, che per la loro poca importanza (o peso) e perché di privati fossero da lasciarsi a posto.

 

Delle 16 campane esistenti nel Comune non ne vennero adunque consegnate che tre.

 

Vennero consegnati anche gli argenti della Chiesa, e nel 1829 ne venne rimborsato il valore con una cedola del Monte San Giovanni B. di Torino della rendita di L. 225 che al 5% corrisponde al valore capitale degli argenti consegnati di L. 2500.

 

INDICE

Le tre campane, come era stato ordinato con lett. 1 febbraio 1794 sottoscritta Intendente Gromo di Ternengo vennero trasportate nel cortile del castello di Voghera. Se anche dagli altri Comuni vi si trasportassero le campane come da Casteggio, i Vogheresi non ebbero mai prima ne' avranno l'occasione in avvenire di sentire un maggiore concerto, o meglio sconcerto.

Dal Castello di Voghera le campane nel luglio 1795 si trasportarono all'arsenale di Torino, e di ciascuna di quelle di Casteggio venne spedita ricevuta il 20 luglio sottoscritta Clerico.

In quanto al rimborso del loro valore pare che nel 1800 la Commissione esecutiva Piemontese, nominata però dal Governo Francese, le pagasse con tanta moneta di rame.

 

Campane e argenti vennero nel 1794 richieste per R. servizio e ad un tempo per comune difesa. Speriamo che tale accordo nello scopo perduri tra Chiesa e Stato.

INDICE

Ma che avvenne dal 1794 al 1899 in fatto di Chiese?

Monache e frati scomparvero dalla scena, ma non così lo spirito religioso ben inteso scomparve dal paese.

Nel 1802 da un privato venne eretta la Chiesa di San Gaetano.

Nel 1810 viene costrutta la nuova Chiesa dal coro alla balaustra per cura dell'arciprete Vacchelli, e nel 1814 dalla balaustra alla facciata per cura dell'arciprete Ferrari.

Feste e funzioni si fecero senza interruzioni dal 1800 al 1814, e dal 1848-49 al 1860.

I più vecchi ricordano l'intervento della Guardia Nazionale alla festa e al Venerdì Santo. - I migliori militi erano i prescelti per tali occasioni per fare lo sparo come fosse un colpo solo.

L'arciprete Venco rifece la casa parrocchiale.

L'arciprete Teol. Belzo fece rialzare l'altare, dipingere la Chiesa e ora per cura dell'arciprete Teologo D. Carlo Testone si sta ultimando la facciata.

Il Comune nell'ultimo ventennio concorse per L. 4.000 pel nuovo organo e per L. 4.000 pel campanone del nuovo concerto delle campane dovuto all'iniziativa dell'arciprete Belzo, che ne sopportò anche buona parte della spesa.

Deliberazione non meno equa si sta aspettando ora dalla Rappresentanza Comunale per lavori di completamento fatti per uno stabile, che è, e rimarrà del Comune.

 

Casteggio, 7 settembre 1899

 

INDICE

 

 


Bibliografia


 
Bib-ST-000 - Testo di Ing. Michele Cuzzoni
Bib-ST-605 - Foglio a stampa del 7 settembre 1899. Duplicazione integrale
 
TOP