AREA II - ARCHIVIO STORICO (ARS)
Capitolo ARS.G17: "Antiche Famiglie di Fonditori: Regione Trentino Alto Adige" - Pagina 02

Gli argomenti di questa pagina sono stati inseriti da Ing. Michele Cuzzoni nel 2012, aggiornati il 10/03/2018, e sono desunti dalla Bibliografia riportata a fondo pagina.

Voi siete il gradito visitatore n.° :

 

Privacy Policy

 

(TN) - Trento - Famiglia Chiappani - di Nicola Patria

 

INDICE:

 

Famiglia Chiappani

 

Trento, secoli XVIII/XIX.

 

A Trento esisteva, nel settore della fusione di campane, tra il 1803 e il 1852 la Famiglia Chiappani, successori dei Ruffini.

 

 

Bartolomeo Chiappani

 

Famiglia di musicisti, il cui capostipite Bartolomeo (Cavedine 1728-1804) era stato allievo di Ruffini.

La dinastia era originaria di Vigo Rendena, ove fabbricava lame ed affilatrici. A giudizio di molti campanologi europei, sono da annoverarsi tra i migliori produttori di campane della storia, in particolare nel periodo a cavallo fra la fine del secolo XIX e gli inizi del secolo XX.

 

INDICE

 

Luigi Chiappani

 

Nel 1803 si trasferì a Verona Luigi, figlio di Bartolomeo, e sposato ad una veronese.

 

INDICE

 

 

Bartolomeo II Chiappani

 

1812 Nasce da Lorenzo, Bartolomeo II. Lorenzo Chiappani trasferisce e rinnova la fonderia. 

1833 Lorenzo e Bartolomeo II risultano già in società.

1845 Bartolomeo II fonde 7 campane per S. Paolo di Appiano che accordate in modo maggiore con la campana “Annamaria” di Georg Grassmayr permettono di creare 7 tipi di accordi differenti. Purtroppo quelle campane sono andate perse per esigenze belliche, ma ancora oggi è viva la leggenda tra la popolazione locale di quel magnifico concerto.

 

INDICE

 

 

1853 Nasce da Bartolomeo II, Carlo Chiappani.

1870 La fonderia occupava 4 o 6 operai ed era a pieno regime

1875 Muore Bartolomeo II all’età di 63 anni. In quell’anno i figli Carlo e Giuseppe decidono di mantenere come nome della fonderia quello paterno.

Carlo Chiappani: fu pianista, compositore, insegnante di canto e collaudatore di organi. La sua dote musicale gli ha permesso di dare continuità alla qualità del grande lavoro del padre.

1887 Viene assunto come capo operai Luigi Colbacchini di Bassano del Grappa, parente dei fonditori locali.

1904-1907 Momento di massimo splendore della ditta che ha praticamente il monopolio del trentino e Sud – Tirolo, oltre che aver allargato il suo mercato anche a varie regioni italiane. Riceve commesse anche internazionali, Svizzera e Austria in primis, ma anche India e Americhe!

1907 Si stacca dalla fonderia per crearne una propria il capo operai Luigi Colbacchini. Da qui nascerà una accesa polemica e un forte contrasto tra Carlo Chiappani e Luigi Colbacchini riportato anche dai giornali locali dell’epoca.

1915 Con l’avvento della prima guerra mondiale Carlo Chiappani sospende l’attività per rifugiarsi a Como. Rientrato a Trento trovò la fonderia distrutta dai bombardamenti ed i figli avviati su altre strade, non pensò quindi di ricostruirla.

1928 Muore a Trento all’età di 75 anni.

 

 

 

INDICE

 

 


Bibliografia


 
Bib-ST-339 - Monografia di Nicola Patria
 
 
TOP