AREA II - ARCHIVIO STORICO (ARS)
Capitolo ARS.G08: "Antiche Famiglie di Fonditori: Regione Liguria" - Pagina 03

Gli argomenti di questa pagina sono stati inseriti da Ing. Michele Cuzzoni nel settembre 2008, aggiornati il 01/05/2016, e sono desunti dalla Bibliografia riportata a fondo pagina.

Voi siete il gradito visitatore n.° :

 

Privacy Policy

 

(GE) - Genova: Famiglia Rocca

 

INDICE:

 

Famiglia Rocca

 

Secoli XVII-XVIII. Fonditori di campane.

   

"ALOYSIVS ROCCA FECIT MDCCXLVII"

 

    "Luigi Rocca è l’ultimo rappresentante di una famiglia di tecnici-imprenditori attiva nella produzione di bocche da fuoco in bronzo e di campane, a partire dalla seconda metà del Seicento".

 

INDICE

 

 

Giuseppe Rocca (1645-1702)

 

 

   "Il nonno Giuseppe era figlio di un povero pescatore trasferitosi a Genova dalla vicina Riviera di Levante (forse da Chiavari), aveva compiuto il suo apprendistato nella fonderia di Domenico Ramone, e quando quest’ultimo era stato assunto come fonditore camerale della Repubblica di Genova nel 1665, lo aveva seguito in qualità di “paghetta”, cioè come aiutante stipendiato".

 

 

INDICE

 

Giacomo I Rocca (1648-1730)

    "Il fratello Giacomo I (1648 - 1730) affiancò Giuseppe ed entrò in organico, divenendo ben presto molto abile professionalmente e riuscendo addirittura a mettere in secondo piano lo stesso Giuseppe, grazie soprattutto alla sua spregiudicatezza; sta di fatto che quando il Ramone, anziano e malato, si ritirò dall’attività, è proprio Giacomo a prendere le redini della fonderia e a dare il via al successo della famiglia.

    Il momento è infatti particolarmente favorevole dal punto di vista produttivo, poiché coincide con l’epoca del disastroso bombardamento navale francese su Genova del maggio 1684: gli anni immediatamente precedenti e ancor più quelli successivi vedono continue commesse di nuove bocche da fuoco ai fonditori, che oltre allo stipendio mensile percepivano anche una provvigione commisurata al peso del bronzo gettato.

    Dall’officina dei Rocca escono allora i nuovi modelli di artiglierie, ispirati a quelli del potente ed ostile vicino d’oltralpe e destinati ad adeguare le capacità difensive della Repubblica: si producono grosse Colubrine pesanti fino a 5 tonnellate, Mezzi Cannoni rinforzati e colubrinati da 27 libbre di palla, Cannoni da 36 libbre e Mortai da Bombe da 200, 300 e 500 libbre".

 

    "Anche la richiesta di campane subisce un incremento: molte parrocchie e conventi della città e delle Riviere rinnovano i loro concerti e la stessa cattedrale genovese di S. Lorenzo sostituisce le quattro più grandi del suo campanile".

 

 

INDICE

 

 

Giacomo II Rocca (1680-1738)

    "Alla morte di Giuseppe gli subentra il figlio Giacomo II (1680 - 1738), nonché padre di Luigi, ma il suo omonimo zio, superattivo e autoritario, gli dovette lasciare ben poco spazio per emergere autonomamente; si pensi infatti che nel 1727, all’età di 79 anni, egli si rendeva disponibile di persona per una trasferta a Modena, anziché delegare il compito al nipote ormai quasi cinquantenne".

 

 

INDICE

 

 


Bibliografia


 
Bib-ST-435 -S. Varni, Ricordi di alcuni fonditori in bronzo, Genova, 1879, pp. 57-58;
Bib-ST-436 - Dott. Renato Gianni Ridella, "Un cannone con l’effigie di Vincenzo I Giustiniani, Marchese di Bassano, nelle dotazioni d’artiglieria della Repubblica di Genova (XVIII secolo)”, in «La Gazzetta Bassanese», 105, nov. 2005, pp. 2sgg.
 
TOP