AREA II - ARCHIVIO STORICO (ARS)
Capitolo ARS.F20: "Rassegna di Campanili Storici: Regione Veneto" - Pagina 02

Gli argomenti di questa pagina sono stati inseriti da Ing. Michele Cuzzoni nel 2009, aggiornati il 01/05/2016, e sono desunti dalla Bibliografia riportata a fondo pagina.

Voi siete il gradito visitatore n.° :

Privacy Policy

 

 

(VE) - Venezia: Notizie su campanili veneziani

 

INDICE:

 

Campanile a S. Maria Zobenigo

 

Calle del Campanile a S. Maria Zobenigo. Dal distrutto campanile della chiesa di S. Maria Zobenigo.

Di esso parla Nicandro Jasseo dicendo: ... et prope turris Inflexa cervice adstat. Colla nota: «In templo S. Mariae, ut vocant, Zobenigo facies pulchra ex marmore, turris studiose inclinata».

Avendosi però sospettato che questa inclinazione minacciasse pericolo, s'interpellarono gli uomini dell'arte, e si venne a conoscere, secondo la perizia dell'Alberti, fatta nel 1773, che il campanile era inclinato d'un piede e mezzo, e secondo quella del Maccaruzzi, fatta nel 1774, di due piedi e mezzo, laonde nel 1775, per decreto del Senato, venne demolito.

Allora si pensò a ricostruirlo, ma l'opera non procedette oltre la grossa base, che oggidì, fornita di coperto, forma un piccolo magazzino, addetto alla chiesa, la quale ha in sito diverso un semplice campanile alla Romana (a vela).

 

 

INDICE

 

Campanile a S. Canciano

 

 

Anche il «Ramo» e la «Calle del Campanile» a San Canciano trassero il nome dal campanile dell'ex chiesa di S. Maria Nuova, attualmente distrutto.

 

INDICE

 

Campanile di S. Marco

 

La maggior parte però dei campanili, onde sono appellate alcune vie di Venezia, esistono tuttora. Oltre a novanta sono le torri a campanile, e circa venti i campanili alla Romana (a vela) sparsi per la città.

 

Il più antico è il campanile di S. Marco solido e grandioso edificio, che cominciò a sorgere nell'888, ossia, come altri vogliono, nel 902. In una gabbia di legno con armatura di ferro, sporgente dal medesimo, solevansi in antico rinchiudere specialmente gli ecclesiastici rei di gravi delitti, e colà essi dovevano rimanere esposti ai solleoni, ed all'intemperie per un tempo fissato, o per tutta la vita, ricevendo il cibo per mezzo d'una funicella che calavano al basso.

 

INDICE

 

Campanile di S. Polo

 

 

Il campanile di S. Polo è di stile archiacuto, e venne innalzato nel 1362. Varie sono le opinioni circa i due leoni scolpiti sopra la sua porta, questione che toccheremo di volo anche noi parlando della prossima chiesa.

 

 

INDICE

 

Campanile di S. Maria Gloriosa de Frari

 

Archiacuto del pari è il campanile di S. Maria Gloriosa de Frari, che ebbe compimento nel 1396, sopra disegno di Giacomo Celega, ingegnere della Signoria, donde davasi il segno della convocazione del Maggior Consiglio, come praticavasi dall'altre torri di S. Marco, di S. Francesco della Vigna, e di S. Geremia.

 

 

INDICE

 

Campanile di S. Pietro di Castello

 

Merita attenzione eziandio il campanile di S. Pietro di Castello, tutto incrostato di marmo, opera del secolo XV.

 

 

INDICE

 

Campanile della Madonna dell'Orto

 

 

Il più stimabile poi dei campanili di Venezia, per singolarità di disegno, e regolarità di costruzione, si deve riputare quello della Madonna dell'Orto, finito nel 1503, anno segnato sopra una cassetta di piombo scopertasi con varie reliquie nella cupola vecchia, ed ora riposta nella nuova.

 

 

INDICE

 

Campanile di S. Sebastiano

 

Tra i campanili antichi annovereremo per ultimo quello di S. Sebastiano, che riconosce per autore lo Scarpagnino, e che ha sul basamento l'anno 1544, epoca della sua costruzione, e quello dei Carmini, che, inclinato, raddrizzossi dal Sardi nel 1688.

 

 

INDICE

 

Campanile di S. Pantaleone e S. Bartolomeo

 

Tra i moderni sono da citarsi quello con colonne di S. Pantaleone, attribuito allo Scalfarotto, e quello di S. Bartolomeo, eretto nel 1754.

 

 

INDICE

 

Campanile di S. Tommaso o S. Tomà

 

Campanile (Calle del) detta Civran a S. Tomà. Al principio di questa calle sorgeva il campanile della chiesa di San Tommaso Apostolo, volgarmente «S. Tomà», di cui resta la sola base, ora sormontata da un campanile alla Romana.

 

 

INDICE

 

Campanile di S. Eustacchio

 

Campanile (Calle del) detta dei Preti a S. Eustacchio. Dipende la prima denominazione dal campanile di S. Eustacchio, e la seconda da case che appartenevano al capitolo di quella chiesa un tempo parrocchiale.

 

 

INDICE

 

 

 

 


Bibliografia


 
Bib-ST-000 - Testo di Ing. Michele Cuzzoni
BIB-ST-338 - Toponomastica veneziana
 
TOP