AREA I - ARTE TECNICO SCIENTIFICA (ATS)
Capitolo ATS.J03: "Sistema di Intonazione delle Campane" - Pagina 03

Gli argomenti di questa pagina sono stati inseriti da Ing. Michele Cuzzoni nel 2012, aggiornati il 21/04/2016, e sono desunti dalla Bibliografia riportata a fondo pagina.

Voi siete il gradito visitatore n.° :

 

 

Privacy Policy

 

 

Il Temperamento Equabile

  

 

Il temperamento equabile è spesso erroneamente sottoposto all’umore, considerando come caratteristica che tutti gli intervalli di mezzo tono sono uguali tra loro. L’ottava è di 1200 centesimi per ogni set di definizione e di misura oltre la metà di 100 centesimi. Questa intonazione era già nota nella seconda metà del XVI secolo, ma non fu gradualmente applicato che fino al XVIII secolo. (Cfr. a pag. E03.19 "scala a temperamento equabile" e a pag. E03.20 "Alcune considerazioni elementari sul temperamento".).

In un temperamento equabile si possono quindi avere modulazioni illimitate con sostituzioni enarmoniche e questa è l’applicazione della tecnica dodecafonica.

Ciò è utile per gli strumenti musicali con armonici. Ma il sacrificio non era piccolo. Dimostriamo questo con l’accordo do2-mi2-sol2 su un organo a temperamento equabile. Scriviamo le parziali di ogni canna sulla tabella seguente.

 

Canna do

Do2

 

 

Do3

 

Sol3 + 2

 

Mi4 -14

Ecc.

Canna mi

 

Mi2

 

 

Mi3

 

Si3 +2

Mi4

Ecc.

Canna sol

 

 

Sol2

 

 

Sol3

 

 

Ecc.

 

E’ evidente che i due toni sol3 differiscono tra loro di 2 centesimi e le due armoniche di mi4 differiscono di altri 14 centesimi. Così ci saranno battimenti. Per il sol3 saranno relativamente bassi, cioè non più di 0,45 Hz, cioè 0,45 battiti al secondo. Ma con mi4 sono molto di più, cioè 5,290 Hz. E va ricordato che in un’ottava più alta, cioè do3-mi3-sol3 i battimenti sono tutti raddoppiati. Ma ci siamo abituati e pochi ascoltatori e gli stessi musicisti hanno la tranquillità di sentire il tono medio sugli strumenti con armonici.

Ma la nostra storia è monotona, e quindi per le campane e i carillon è una situazione completamente diversa (si veda a pag. K01.04 "Come si deve intonare precisamente un carillon")

 

 


Bibliografia


 
Bib-TS-000 - Testo di Ing. Michele Cuzzoni
Bib-TS-246 - André Lehr - Een klankanalyse van de 16de-eeuwse Van Wou-klokken in de Domtoren te Utrecht (Asten, 1980)
Bib-TS-247 - André Lehr - Partial Groups in the Bell Sound. In:  The Journal of the Acoustical Society of America , vol.79, 1986, blz.2000-2011
Bib-TS-248 - André Lehr - The designing of swinging bells and carillon bells in the past and present (Asten, 1987)
Bib-TS-249 - André Lehr - The tuning of the Bells of Marquis Yi. In: Acustica , vol.67, 1988, blz.144-148
Bib-TS-250 - André Lehr - A statistical investigation of historical swinging bells in West Europe. In: Acustica , vol.74, 1991, blz.97-108
Bib-TS-251 - André Lehr - Profielconstructies van luid- en beiaardklokken in het verleden (Asten, 1991)
Bib-TS-252 - André Lehr - Acoustic research. In:  45 Years of Dutch Carillons 1945-1990 , L.Boogert, A.Lehr, J.Maassen (ed.), 1992, blz.132-145
Bib-TS-253 - André Lehr - Vormoptimalisatie van luid- en beiaardklokken. In: Symposium Structural Optimization in the Netherlands , F. van Keulen en A.J.G. Schoofs (ed.),  November 9, 1995, Technische Universiteit Delft
Bib-TS-254 - André Lehr - Berekening van het klokprofiel. De eindige-elementen-methode in combinatie met optimalisatie-techniek helpt een oud ambacht. In: Principieel, werktuigbouwkundig magazine, Universiteit Twente , jg.1, Lente 1997, blz.23-28
Bib-TS-255 - André Lehr - Designing Chimes and Carillons in History. In: Acustica, 1997, vol.83, blz.320-336
Bib-TS-256 - André Lehr - Metaalkunde en Torenklokken. In:  Metalen in Monumenten en Vernieuwbouw , Syllabus van de Studiedag van WTA, Nederland-Vlaanderen, Wetenschappelijk-Technische Groep voor Aanbevelingen inzake Bouwrenovatie en Monumentenzorg, op 21 november 1997 in het Provinciehuis te Antwerpen, blz.60-73
Bib-TS-257 - André Lehr - Campanologie. Een leerboek over klank en toon van klokken en beiaarden (Mechelen, 1997, 2de druk 1998)
Bib-TS-258 - André Lehr - The Geometrical Limits of the Carillon Bell. In:  Acustica,  vol.86, 2000, blz.543-549
Bib-TS-259 - André Lehr - The Removal of Warbles or Beats in the Sound of a Bell. In:  Acustica , vol.86, 2000, blz.550-556
Bib-TS-260 - André Lehr - Geschiedenis van de campanologie (Asten, 2001)
Bib-TS-261 - André Lehr - Leerboek der Campanologie, 2007
 

TOP