AREA I - ARTE TECNICO SCIENTIFICA (ATS)
Capitolo ATS.H01: "Meccanica del Mezzo Continuo e dei Materiali" - Pagina 14

Gli argomenti di questa pagina sono stati inseriti da Ing. Michele Cuzzoni nel 2012, aggiornati il 21/04/2016, e sono desunti dalla Bibliografia riportata a fondo pagina.

Voi siete il gradito visitatore n.° :

 

 

Privacy Policy

 

 

Meccanica della frattura

 

INDICE:

 

Principi di Meccanica della Frattura

Spesso gli elementi strutturali sono soggetti a rotture improvvise per sollecitazioni statiche inferiori alla tensione di rottura del materiale senza che si verifichino deformazioni macroscopiche apprezzabili.

In molti casi la rottura inizia da una discontinuità (o difetto) del materiale, anche di piccole dimensioni, avente raggio di curvatura nullo alle estremità (frattura, cricca) che, a certe condizioni, si propaga a velocità elevata. Difetti iniziali possono essere: microporosità, inclusioni di sostanze estranee, profondi graffi superficiali, delaminazioni in materiali a strati.

I fattori da cui dipende il fenomeno sono: la dimensione del difetto, lo stato tensionale, le caratteristiche del materiale, la geometria dell'elemento nelle vicinanze del difetto, la temperatura.

La propagazione dei difetti con raggio di raccordo nullo è oggetto di studio della meccanica della frattura, che si basa su un’idealizzazione del materiale considerato come continuo, studiato mediante la teoria dell'elasticità lineare o dell’elasto-plasticità. Il problema è studiato da un punto di vista macroscopico.

Le strutture sono normalmente progettate in modo che le sollecitazioni esterne non superino in alcun punto il limite di elasticità del metallo. Una specifica di progetto di questo tipo mette la struttura al riparo da una rottura classica di tipo duttile.

Tuttavia altre modalità di rottura sono spesso osservate (fragile oppure semi-fragile). Questo evento può avere luogo in circostanze diverse da quelle usuali, quali, ad esempio:

- basse temperature;

- elevate velocità di applicazione del carico;

- difetti preesistenti oppure generatesi durante il servizio

 

Se si considera una piastra infinita di un materiale perfettamente elastico nella quale sia presente una fessura passante di lunghezza 2a e di spessore trascurabile, lo sforzo normale σn, in prossimità dell’apice della cricca, ortogonale al piano della fessura stessa, è legato alla geometria della cricca attraverso un parametro KI detto il fattore di intensità delle tensioni (modo I). Tale intensificazione delle tensioni è dovuta proprio alla presenza contemporanea di sollecitazioni esterne e di una discontinuità della matrice metallica.

 

Propagazione della cricca rispetto alla direzione di laminazione

INDICE

 

Determinazione KIC (ASTM E399)

IC( )

La metodologia è basata su prove di trazione o di flessione su tre punti effettuate su provette intagliate e precriccate a fatica. Durante queste prove di trazione o di flessione si registra la curva carico-apertura dell’apice dell’intaglio (Load-COD, ove per COD si intende Crack Opening Displacement) e si determina il carico che corrisponde ad una propagazione della cricca del 2%.

 

Le condizioni che devono essere prese in considerazione affinché il risultato sia valido sono:

• La zona plastica all’apice della cricca deve essere trascurabile rispetto alle dimensioni del provino, in modo che il comportamento sia il più possibile elastico.

• Le dimensioni del provino devono essere sufficienti da assicurare per la prova delle piene condizioni di deformazione piana.

 

 

INDICE

 

Rottura per fatica

Difetti ed anomalie nei metalli:

• Vacanze reticolari - Rottura

• Dislocazioni

• Struttura policristallina finale

• Inclusioni non metalliche

• Porosità - Striature

• Segregazioni fatica

• Tensioni residue

 

Le condizioni della superficie influenzano la resistenza a fatica L’ambiente influenza la resistenza a fatica.

 

 

 

 

Possibilità riduzione della frequenza rottura per fatica:

• Ottimizzare disegno del pezzo.

• Scelta del metallo e del ciclo di lavorazione.

• Controlli di accettazione dei semilavorati e dei pezzi finiti.

• Controlli in esercizio.

 

Per migliorare il comportamento a fatica si può:

• Migliorare la finitura della superficie.

• Incrudire superficialmente.

• Indurire superficialmente.

• Effettuare cicli di “allenamento”.

• Proteggere contro attacchi corrosivi.

 

INDICE

 

Scorrimento viscoso

E’ un fenomeno di deformazione continuamente crescente nel tempo, con il carico che resta costante nel tempo. I meccanismi principali sono legati ai processi di incrudimento e di ricristallizzazione:

Struttura migliore

• Slittamento piani cristallografici (movimento dislocazioni)

• Formazione sottograni

• Scorrimento del bordo dei grani

Si definisce temperatura omologa di un metallo To il rapporto fra la temperatura a cui si trova il metallo e la sua temperatura di fusione, entrambe espresse in K.

Lo scorrimento viscoso inizia ad attivarsi per To superiori a 0.4 ÷ 0.5

 

 

 

 

 

 

Tutti gli ostacoli alla restaurazione favoriscono la tenuta allo scorrimento viscoso:

- struttura cristallina compatta (EC oppure CFC);

- presenza di precipitati stabili termicamente;

- dato che la rottura avviene essenzialmente per decoesione intergranulare, la presenza dei bordi grano è negativa; da questa considerazione ha origine lo sviluppo di metalli a solidificazione orientata o monocristallini.

 

INDICE

 

Usura

E’ dovuta alla interazione fra superfici in contatto ed in moto relativo.

Consiste in una progressiva asportazione di metallo dalla superficie.

Si possono distinguere:

• Usura adesiva: si hanno delle locali saldature in corrispondenza delle asperità superficiali, e può essere distinta in usura leggera (il ponte che si forma ha una resistenza inferiore dei due metalli base) oppure forte (il ponte ha una resistenza superiore).

 

 

• Usura abrasiva: si ha quando si ha l’interposizione fra le superfici a contatto di particelle estranee dure.

• Usura corrosiva

• Usura erosiva

 

• Usura per fatica

 

INDICE

 

 


Bibliografia


 
 
Bib-TS-010 - M. Cavallini, F. Iacoviello - Materiali Metallici - Francesco Ciolfi Editore, via E. De Nicola, Cassino
Bib-TS-011 - W. Nicodemi - Metallurgia - Masson, Milano
Bib-TS-012 - A. Cigada - Struttura e proprietà dei materiali metallici - Città Studi, Milano
Bib-TS-013 - Lucidi del corso di "Metallurgia" sono disponibili in formato pdf all’indirizzo: http://www.metallurgia.unicas.it

Bib-TS-149 - Sergio Rosati, Fisica generale, Casa editrice Ambrosiana, Milano 1994

Bib-TS-150 - William D. Callister, Scienza e ingegneria dei materiali, EdiSES, Napoli 2002
 

TOP