AREA I - ARTE TECNICO SCIENTIFICA (ATS)
Capitolo ATS.E03: "Teoria Musicale" - Pagina 12

Gli argomenti di questa pagina sono stati inseriti da Ing. Michele Cuzzoni nel 2009, aggiornati il 21/04/2016, e sono desunti dalla Bibliografia riportata a fondo pagina.

Voi siete il gradito visitatore n.° :

 

 

Privacy Policy

 

 

Elementi di scale musicali

 

 

 

      Convenzionalmente le note naturali sono 7 e si ripetono in intervalli chiamati 'ottave' insieme ai corrispondenti 5 semitoni (si pensi ai tasti del pianoforte: i tasti bianchi sono le note naturali e quelli neri i semitoni):

 

... Do - Do# (Reb) - Re - Re# (Mib) - Mi - Fa - Fa# (Solb) - Sol - Sol# (Lab) - La - La# (Sib) - Si - Do ...

    Le scale sono particolari successioni di queste note. Tra queste le più semplici ed ‘istintive' sono le scale naturali maggiori e minori. Ognuna di queste scale ha il nome della nota che ne determina il senso di conclusione (la TONICA, cioè che da' il tono alla scala):

Es .: scala naturale di DO Maggiore: ...DO RE MI FA SOL LA SI DO ...

Es .: scala di RE Maggiore: …RE Mi FA# SOL LA SI DO# RE

    Confrontando le due scale naturali proposte con la successione di tutte le note detta all'inizio, è facile capire il meccanismo di costruzione di una scala naturale maggiore:

Si parte dalla nota che da' il nome alla scala. Negli esempi dal DO o dal RE. Questa è la nota che da' il tono alla scala e la cui esecuzione da' il senso di chiusura.

TONICA
 
Salto di un tono: + 1
 
 
SOPRATONICA (2° o 9°)
 
Salto di un tono:  + 1
 
 
TERZA O CARATTERISTICA
 
Salto di un semitono: + 1/2
 
QUARTA
 
Salto di un tono:  + 1
 
 
QUINTA O DOMINANTE
 
Salto di un tono:  + 1
 
 
SESTA
 
Salto di un tono:  + 1
 
 
SETTIMA + (O MAG 7)
 
 
TONICA

 

(Il segno + riferito alla Settima è una convenzione. Si indica convenzionalmente con 'settima' il semitono precedente della settima nota della scala. ES.: la 7° della scala di DO è SIb e la 7+ è il SI)

A livello di orecchio, le note più importanti della scala sono tre: la tonica, la caratteristica e la dominante, che suonate contemporaneamente formano l'accordo maggiore.

Le scale naturali minori sono diverse. La più semplice si ricava dalla maggiore aggiungendo invece della terza il semitono prima della terza, che viene appunto chiamata ‘terza minore'. E' evidente che come risultato si ha una scala più solenne o 'triste'.

 

 


Bibliografia


 
Bib-TS-067 - Ing. Michele Cuzzoni - Appunti di Fisica 2: Acustica – Facoltà di Ingegneria, Pavia - A.A. 1995-1996
Bib-TS-068 - Il Nuovo Colombo - Manuale dell'Ingegnere - Volume primo - 83^ edizione - Ed. Ulrico Hoepli Milano - 1997 Ristampa 2001
 

TOP