AREA I - ARTE TECNICO SCIENTIFICA (ATS)
Capitolo ATS.C02: "Normativa Ecclesiastica" - Pagina 04

Gli argomenti di questa pagina sono stati inseriti da Ing. Michele Cuzzoni nel 2009 aggiornati il 21/04/2016, e sono desunti dalla Bibliografia riportata a fondo pagina.

Voi siete il gradito visitatore n.° :

 

 

Privacy Policy

 

 

Diocesi di Bologna: Regolamento suono campane 2003

 

 

N.B.: Il presente Portale è a favore del suono delle campane!

La normativa acustica viene qui riportata come riferimento per quelle parrocchie che si trovassero in difficoltà a causa di "segnalazioni di disturbo".

Pertanto, oltre a rivolgersi al proprio Legale di fiducia, le parrocchie possono avvalersi dello strumento comunale di "Deroga ai Decibel", utilizzando anche il facsimile riprodotto a pag. C03.04 - Deroga ai decibel consentiti nel proprio Comune - per Campane.

 

 

 

Nel 2003 la Diocesi di Bologna ha emanato un regolamento per il suono delle campane.

 

Cancelleria Arcivescovile Prot. 2697 Tit. 1 Fase. Anno 2003

 

ATTI DEL VICARIO GENERALE

DISPOSIZIONI SUL SUONO DELLE CAMPANE

 

Le recenti normative in tema di inquinamento acustico sempre più spesso chiamano in causa il suono delle campane, forse anche con qualche motivazione ideologica.

 

In data 10 maggio 2002 la C.E.I. inviava agli Ordinari Diocesani la circolare n. 33 su "La regolamentazione del suono delle campane", invitando a dare disposizioni, che nella nostra Diocesi erano già state date, nello spirito della stessa circolare, in data 8 settembre 1999 (Bollettino dell'Arcidiocesi di Bologna pag. 163).

 

In questi anni, oltre a qualche lamentela per la durata dei segnali, il volume delle amplificazioni elettroniche, e gli orari (vedere a riguardo le disposizioni del 1999), è stata segnalata l'introduzione di carillons o melodie musicali riprodotte in particolare all'ora del mezzogiorno o dell'Ave Maria alla sera.

 

Al riguardo, è bene osservare che queste usanze (la cui introduzione è stata estremamente facilitata dagli strumenti elettronici), non appartengono alla nostra cultura e tradizione, e non rientrano nell'uso proprio dei segnali dei nostri campanili.

   Da sempre, infatti, il suono del mezzogiorno e dell'Ave Maria della sera viene fatto con una sola campana, con due interruzioni (in modo da richiamare le tre invocazioni dell'Angelus), con una durata che in genere non supera i 120 secondi.

Restare legati alla nostra tradizione e cultura, e all'uso liturgico, è l'argomento che può dare forza alla difesa del suono delle campane; alcune "novità", a volte di dubbio gusto estetico, il più delle volte ispirate a devozionismo, rischiano di prestare il fianco a denunce, con questioni difficilmente difendibili.

 

Pertanto, mentre si confermano le disposizioni emanate in data 08.09.1999, vengono date le seguenti norme integrative:

 

1. È fatto divieto di diffondere dai campanili con amplificazione elettronica musiche sostitutive dei tradizionali segnali liturgici od orari.

 

2. È pure vietato eseguire tali segnali con melodie suonate con le campane a carillon, che riproducano Ave Maria più o meno note (Ave di Lourdes, ecc.) o melodie di altri canti, anche liturgici.

 

3. Questo tuttavia non riguarda lo "scampanio" che è fatto occasionalmente in qualche festa, e con l'opera del campanaro direttamente sulle campane.

 

4. Le attrezzature attualmente in funzione con le suonate di cui ai nn. 1 e 2 devono essere disattivate entro due mesi dalla presente disposizione, e si da incarico ai Vicari Pastorali di verificarne l'attuazione.
 

    Bologna, 18 dicembre 2003

 


Bibliografia


 
Bib-TS-033 - Regolamento tratto da: http://www.unionecampanaribolognesi.it/ (versione del 2012)
 

TOP